Museo Nazionale Etrusco di Rocca Albornoz

mostre in corso: 1

La Collezione permanente

Il Museo è ospitato all’interno dell’imponente Rocca Albornoz fatta edificare nel 1354 dal cardinale Gil Albornoz, a controllo dei possedimenti ecclesiastici. A Giulio II della Rovere, nei primi anni del ’500, si deve il rinnovamento del complesso su progetto del Bramante, con la trasformazione della rocca da struttura prettamente militare a palazzo rinascimentale. Bramante ridisegnò il complesso intorno a un cortile centrale inquadrato da portici e loggiati, con fontana centrale. Il progetto fu completato da papa Paolo III che realizzò anche una grande loggia sulla facciata esterna.

Dal 1986 è sede del Museo Nazionale Etrusco, con un’esposizione ampliatesi negli anni. L’allestimento si incentra sui siti più rappresentativi dell’Etruria meridionale interna, con particolare attenzione agli aspetti del quotidiano del popolo etrusco, solitamente meno noti. L’esposizione si contraddistingue per la ricostruzione dei contesti e le ambientazioni archeologiche e paesaggistiche.

Al suo interno trovano spazio le eccezionali ricostruzioni a grandezza naturale degli edifici dal centro etrusco di Acquarossa, il mosaico con iscrizione etrusca dal sito di Musarna, testimonianza emblematica e rarissima del processo di romanizzazione dell’Etruria e unico esempio di scrittura etrusca su mosaico pavimentale finora noto, il ciclo decorativo statuario del teatro di Ferento, la prestigiosa biga etrusca in bronzo rinvenuta a Ischia di Castro, la ricostruzione del santuario rupestre dedicato a Demetra.

dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18.30)
intero 6 €, ridotto 2 € (dai 18 ai 25 anni, più le agevolazioni previste dal MiC)

Mostre temporanee in corso e in programma

– 31 Dic 2022

Leoni - Sfingi - Mani d'argento. Lo splendore immortale delle famiglie etrusche di Vulci

cultura.gov.it/evento/visite-guidate-alla-mostra-sfingi-leoni-e-mani-dargento-lo-splendore-immortale-delle-famiglie-etrusche-di-vulci

Education

Il Museo organizza cicli di incontri, tavole rotonde e conferenze legate alla storia e alla architettura della struttura che ospita la collezione archeologica, la Rocca Albornoz, e al materiale archeologico in esso esposto. Gli incontri e le altre attività organizzati mirano alla conoscenza e alla condivisione del patrimonio culturale, avvicinando il pubblico coinvolto alla storia del passato e alla conoscenza delle proprie origini.

Le attività sono rivolte a bambini, famiglie, studenti, adulti, persone con esigenze speciali così come a studenti universitari, professori e guide turistiche. In occasione delle mostre temporanee organizzate all’interno della Rocca vengono organizzati laboratori didattici connessi alle tematiche trattate nella esibizione, mirati a pubblici diversificati con particolare attenzione a quello in età scolastica. I laboratori sono pensati in modo inclusivo e accessibile, per offrire una esperienza diversa e coinvolgente del Museo, in grado di stimolare e incuriosire e informare il pubblico coinvolto.