Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica

La Collezione permanente

Il Museo Nazionale della Preistoria della Valle Camonica è ospitato nell’antico edificio di Villa Agostani, nel centro storico di Capo di Ponte, un tempo sede di un seminario vescovile e risalente al XVI secolo. Il Museo nasce nel 2014 con l’intento di integrare, attraverso l’esposizione dei reperti provenienti da scavi archeologici o da ritrovamenti sul territorio, il patrimonio di immagini incise sulle rocce. In questo modo, il museo consente di collegare l’espressione identitaria della Valle Camonica, che è l’arte rupestre, alle comunità che l’hanno abitata in età preistorica e protostorica.

Suddivisa sui due piani dell’edificio, la collezione raccoglie oggetti di uso domestico, manufatti legati ad attività di estrazione minerarie o metallurgiche e provenienti da luoghi di culto e sepolture. Di grande impatto l’esposizione di oltre 50 tra stele e massi-menhir incisi provenienti da santuari megalitici dell’età del Rame (IV-III millennio a.C.).

La collocazione del Museo nel centro storico di Capo di Ponte, ben collegato con i parchi di arte rupestre presenti nella zona, ne fa un centro di riferimento, che prepara e orienta la visita alla rete dei parchi d’arte rupestre e ai siti archeologici preistorici della Valle. Insieme al Parco Nazionale delle Incisioni Rupestri di Naquane e al Parco Archeologico Nazionale dei Massi di Cemmo, il MUPRE afferisce al primo sito italiano riconosciuto dall’Unesco nel 1979 come Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Dal 2015 il Museo è affidato alla gestione della Direzione regionale Musei Lombardia.

Education

I servizi educativi della Direzione regionale Musei Lombardia, insieme con la direzione del MUPRE, progettano e realizzano progetti educativi in collaborazione con gli istituti scolastici e le realtà formative del territorio. L’anno scolastico 2021-22, in particolare, ha visto la realizzazione di un progetto di PCTO (Percorsi per le Competenze Trasversali e l’Orientamento) con l’ISS Meneghini di Edolo (BS) che ha portato i ragazzi a visitare, oltre al Mupre, altri musei e parchi della Valle Camonica (Museo Archeologico nazionale della Valle Camonica a Cividate Camuno, il Parco di Naquane a Capo di Ponte, il Parco di Seradine-Bedolina), permettendo loro di confrontare le rappresentazioni incise nelle rocce con alcuni reperti esposti al Mure in occasione della mostra «Uno sguardo oltre le Alpi».

In collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Santa Giulia di Brescia, è stato inoltre realizzato un workshop nel quale gli studenti (guidati dalla docente Eletta Flocchini) hanno sviluppato una proposta di valorizzazione e promozione del MUPRE e del Museo archeologico Nazionale della Valle Camonica, con particolare attenzione al pubblico più giovane (dai 18 ai 25 anni).

Anche per l’anno scolastico 2022-23 si stanno mettendo a punto progetti e iniziative in collaborazione con le istituzioni scolastiche della Valle. Vengono inoltre proposte, in occasione di giornate dedicate o appuntamenti ricorrenti, quali le Giornate Europee del Patrimonio, la Giornata delle Famiglie in Museo o il Festival Fabriano del Disegno, attività mirate a pubblici specifici.

Anche il MUPRE, come il Museo archeologico Nazionale della Valle Camonica, aderisce da novembre 2022, al progetto Nati con la Cultura in Valle Camonica: oltre a un adeguamento degli spazi, attrezzati con fasciatoio e un’area relax e allattamento, saranno programmati appuntamenti ed iniziative rivolti specificatamente ad un pubblico di famiglie con bambini anche molto piccoli.