Museo Nazionale Archeologico ed Etnografico «Giovanni Antonio Sanna»

mostre in corso: 1

La Collezione permanente

Il Museo Nazionale Archeologico ed Etnografico, dedicato all’imprenditore e filantropo sassarese Giovanni Antonio Sanna, nasce come Regio Museo Antiquario nel 1878.  Le collezioni, precedentemente ospitate nel palazzo dell’Università di Sassari, sono esposte nell’attuale sede di via Roma, inaugurata nel 1932. La realizzazione dell’edificio in stile neoclassico si deve all’impegno di Zely, l’ultimogenita di Sanna.

La Sezione Archeologica costituisce oggi il nucleo principale del Museo.

I materiali, provenienti da collezioni e campagne di scavo, coprono un arco cronologico che va dal Paleolitico all’Età Moderna.

La Sezione Etnografica, con i suoi abiti tradizionali, gioielli e opere d’artigianato, è attualmente una delle più ricche e la più antica del genere nell’isola.

Le prime sale del Museo sono dedicate alle collezioni Dessì, Bertolio e Reksten. Il percorso prosegue cronologicamente con reperti provenienti dai più importanti siti della Sardegna centro-settentrionale.

dal martedì al sabato dalle 9.00 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 19.00) Biglietti: intero 4 €, ridotto 2 €
intero 4 €, ridotto 2 €

Mostre temporanee in corso e in programma

– 31 Dic 2022

Sulle tracce di Clemente. Rivisitazione artistica delle collezioni archeologiche ed etnografiche del Museo curata dallo stilista e designer Antonio Marras

beniculturali.it/evento/sulle-tracce-di-clemente-antonio-marras-interpreta-le-collezioni-del-museo-sanna-di-sassari

Education

Nell’ambito dei progetti educativi, concordati con i docenti sulla base delle differenti esigenze formative, si organizzano visite guidate e laboratori per scolaresche.

Le attività didattiche si rivolgono agli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado e garantiscono l’accessibilità alle persone con disabilità motoria.I laboratori si articolano in diverse fasi: accoglienza, visita di una o più sezioni del museo e attività pratica diversificata per tipologia di percorso.

«Piccoli artisti della preistoria»: laboratorio ludico creativo volto alla conoscenza della storia, della vita e delle attività dell’uomo nel passato.«Documentare la storia»: percorso storico documentario volto alla comprensione della storia dei materiali conservati al museo.«Animali fantastici»: attività didattica sugli animali del passato e la loro rappresentazione attraverso l’approccio archeozoologico. «Il piccolo antropologo»: percorso tematico sui riti funerari nell’antichità e laboratorio di antropologia.