Museo Archeologico Nazionale «G. Asproni»

La Collezione permanente

L’esposizione offre un’intensa testimonianza del ricco patrimonio paleontologico e archeologico proveniente dalla provincia di Nuoro: dalle testimonianze di vertebrati del Monte Tuttavista e della Grotta Corbeddu ai reperti del Paleolitico di Ottana, alla collezione di oggetti di vita quotidiana del Neolitico. Seguono i materiali delle culture dell’Età del Rame di Filigosa, Abealzu, Monte Claro, del vaso Campaniforme e della cultura di Bonnanaro, a cui si data lo scheletro di Sisaia, la cui analisi ha permesso di ottenere numerose informazioni sulla donna. L’aspetto più interessante emerso è che la donna affrontò una trapanazione cranica, un vero e proprio intervento chirurgico, al quale sopravvisse, in quanto la ferita al cranio risulta perfettamente guarita e ricalcificata.

L’esposizione prosegue con gli oggetti di Età nuragica, dal Bronzo medio alla prima età del Ferro, provenienti per la maggior parte da importanti siti quali il nuraghe Nurdole di Orani, il santuario di Romanzesu a Bitti, Sa Sedda ‘e Sos Carros ad Oliena, di cui è presente la ricostruzione della fonte sacra. Il percorso prosegue con una selezione di reperti di età fenicio-punica e romana, provenienti da diverse aree della provincia, tra questi un diploma militare del 102 d.C., a testimoniare la profonda romanizzazione dell’area. Il percorso espositivo termina con l’età medievale e gli oggetti provenienti dal Castello della Fava di Posada.

Education

Le attività didattiche proposte dal museo sono visite guidate tematiche per famiglie e scuole di ogni ordine e grado, organizzate in base alle esigenze delle classi e all’età dei partecipanti. Vi è poi «Il gioco dell’oca al Museo Asproni», gioco a tema archeologico, da svolgersi nelle sale del Museo nel quale i bambini imparano a conoscere i reperti esposti rispondendo a domande (per scuola dell’infanzia e primaria).  Il «Laboratorio di ceramica» è una breve introduzione alla storia della ceramica e riproduzione con l’argilla di alcune delle forme esposte nel Museo (per scuola dell’infanzia a primaria).

«Realizza i mosaici romani» è un’introduzione alle tecniche di realizzazione dei mosaici in età romana, i bambini compongono poi un disegno con tessere musive (per scuola primaria e famiglie). Ne «La caccia al tesoro», invece, i bambini divisi in squadre dovranno individuare alcuni dei reperti esposti nelle vetrine dopo averne visto un’immagine (per scuola dell’infanzia, primaria e famiglie).

«L’arte della tessitura» è un’introduzione alle tecniche della tessitura e riproduzione con carta e tessuti di diverse trame e intrecci (per scuola primaria e famiglie).

E con «Decoriamo l’albero di Natale del museo Asproni», infine, il Museo chiede l’aiuto dei bambini per decorare l’albero di Natale! (Per scuola dell’infanzia a primaria e limitato al solo mese di dicembre).