Museo Archeologico Nazionale di Tarquinia

La Collezione permanente

Il Museo, istituito nel 1916 all’interno del Palazzo Vitelleschi all’ingresso del centro storico della città moderna, fu inaugurato nel 1924, accogliendo due storiche collezioni ottocentesche, la Raccolta Comunale e la collezione privata dei conti Bruschi-Falgari. In seguito, è andato arricchendosi con i materiali provenienti dagli scavi condotti nell’area dell’antica città, sia dall’abitato sia dalle circostanti necropoli.

Il percorso espositivo si sviluppa su tre piani, compreso il pianterreno, in più aree tematiche che abbracciano un arco cronologico che parte dall’Età del Ferro (IX secolo a.C.) e giunge all’epoca romana: la scultura monumentale e funeraria, i corredi funerari, la ceramica importata e di imitazione dal periodo geometrico a quello ellenistico, l’abitato.

Tra gli oggetti esposti spiccano le ceramiche figurate attiche tra cui capolavori monumentali della fine del VI secolo a.C.

Le sale ospitano, inoltre, la ricostruzione dal vivo di alcuni contesti funerari come la tomba a camera dei Versna e quattro tombe dipinte «strappate» negli anni ’50 del ’900 e ricostruite nel Museo.

dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.30
intero museo 6 €, intero museo e necropoli 10 €, sito Unesco Cerveteri e Tarquinia (2 Musei e 2 Necropoli) 15 €, ridotto 2 € (dai 18 ai 25 anni), gratuito under 18

Education

In occasione di particolari eventi nazionali promossi dal Ministero della Cultura vengono svolti approfondimenti su particolari aspetti della cultura etrusca di Cerveteri o incontri dedicati con specialisti del settore, in linea con le tematiche che il Ministero indica per i singoli eventi.

Tali approfondimenti sono rivolti soprattutto ai giovani, per sensibilizzare le nuove generazioni al proprio patrimonio storico archeologico e alla conoscenza degli etruschi con un linguaggio adatto e con esperienze laboratoriali.