Museo archeologico nazionale di Pontecagnano «Etruschi di frontiera»

mostre in corso: 1

La Collezione permanente

Il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano intitolato «Gli Etruschi di Frontiera», inaugurato nel 2007 in una sede appositamente progettata, espone i reperti provenienti dal centro etrusco-campano di Pontecagnano. Si tratta di un patrimonio di reperti provenienti dagli scavi di oltre 10mila sepolture, di due aree sacre e di ampi settori dell’abitato, che hanno consentito di mettere a fuoco i caratteri dell’insediamento in un amplissimo arco cronologico, delineandone l’organizzazione sociale, politica ed economica.

La lunga storia del sito è raccontata nel Museo dove il percorso di visita si sviluppa in senso cronologico e tematico, approfondendo le principali fasi di vita della città antica: la «fondazione» dell’insediamento etrusco-villanoviano, il momento di massima fioritura nel VII secolo a.C. con le tombe di principi e principesse etruschi caratterizzate da corredi sontuosi, le forme di religiosità espresse nelle aree sacre, il prevalere dell’ethnos sannita alla fine del V secolo a.C., la fondazione romana di Picentia nel 268 a.C.

dal martedì alla domenica dalle 9.00 alle 19.00 (ultimo ingresso alle 18.30)
2 €, ridotto 1 €, gratuito (prima domenica del mese e in tutti i casi previsti dalla normativa del Ministero della Cultura)

Mostre temporanee in corso e in programma

30 Mar 2023

Per terra e per mare. Mobilità e dinamiche di integrazione a Pontecagnano tra IX e III secolo a.C.

La Mostra intende evidenziare gli aspetti di una comunità antica aperta ai contatti e agli scambi con i diversi popoli del Mediterraneo, un tema di grande attualità che approfondisce le dinamiche innescate dal contatto tra popolazioni diverse e le modalità di convivenza e integrazione all’interno del centro etrusco-campano di Pontecagnano tra l’VIII e il IV secolo a.C. Fin dall’Età del Ferro Pontecagnano è al centro di un circuito di scambi che coinvolge l’intero bacino del Mediterraneo: oltre alla circolazione di materiali e di modelli culturali provenienti soprattutto dalla Grecia e dall’Oriente, si registrano precocemente fenomeni di mobilità di gruppi etnicamente diversi, che si stabiliscono nel centro etrusco integrandosi con la comunità locale. La prosperità e la ricchezza dell’insediamento fanno sì che giungano a Pontecagnano materiali di pregio provenienti da Sardegna, Sicilia, Grecia, Egitto e Medio Oriente. La capacità di attrazione del sito si fonda non solo sulla disponibilità di risorse, ma anche sulla facilità di integrazione di tali individui. Contesti inediti, reperti in prestito da prestigiosi musei e sale immersive guideranno il visitatore attraverso un viaggio ideale all’interno di questa antica città multietnica e multiculturale.

Education

Il Museo Archeologico Nazionale di Pontecagnano accoglie studenti di ogni ordine e grado e famiglie con bambini con un’esposizione finalizzata alla didattica e all’apprendimento. L’apparato museografico costituito da ricostruzioni grafiche, pannelli tematici e ambientazioni consente ai visitatori di tutte le età di comprendere i costumi, i rituali e le pratiche quotidiane dell’antico insediamento etrusco-campano di Pontecagnano.

Il Museo collabora con le Università e gli Istituti Scolastici Superiori ai fini dello sviluppo di percorsi che impegnino gli studenti in attività di studio e conoscenza dei reperti archeologici e della collezione, ma anche in progetti di promozione e valorizzazione del patrimonio culturale, uno dei quali ha consentito la realizzazione di un primo nucleo del percorso tattile per visitatori diversamente abili o con bisogni speciali.

La programmazione culturale del Museo propone eventi per famiglie e bambini comprendenti visite guidate a tema, laboratori didattici di archeologia e letture animate, organizzate anche in collaborazione con gli enti territoriali.