Museo Archeologico di Vulci

mostre in corso: 1

La Collezione permanente

Il Museo, istituito nel 1975, è allestito all’interno del monumentale Castello della Badia in posizione difensiva e arroccata sul fiume Fiora, che scorre impetuoso a lato della struttura. Strettamente connesso al Castello il suggestivo Ponte della Badia, che sormonta il profondo canale creato dal fiume Fiora. Il Castello, realizzato con blocchi di scura pietra lavica, sorge su una precedente abbazia benedettina del IX secolo, e nel XII secolo acquista la sua forma attuale, contraddistinta da pianta trapezoidale e 6 torri difensive.

L’allestimento museale, rinnovato completamente nel 2016, ripercorre i secoli di storia della città etrusca di Vulci, dalla nascita del centro urbano nel IX-VIII secolo a.C. alla conquista romana, avvenuta nel 280 a.C. L’esposizione offre un panorama completo sull’importante centro etrusco di Vulci e si contraddistingue per l’utilizzo di ambientazioni suggestive che riproducono aree funerarie, camere sepolcrali con ricchi corredi deposti, ricostruzione dei contesti portuali, come il porto di Regisvilla, e delle botteghe, attraverso i quali è possibile ripercorrere le fasi di crescita e sviluppo della città, delle attività produttive e degli scambi commerciali che la contraddistinguono, presentando i contesti più rilevanti.

dal martedì alla domenica dalle 8.30 alle 19.30 (ultimo ingresso alle 18.30)
intero 4 €, ridotto 2 € (dai 18 ai 25 anni, più le agevolazioni previste dal MiC)

Mostre temporanee in corso e in programma

Education

Il Museo organizza conferenze e visite guidate legate struttura che ospita la collezione archeologica, il Castello della Badia, e al materiale archeologico in esso esposto. Le attività organizzate mirano alla conoscenza e alla condivisione del patrimonio culturale, avvicinando il pubblico coinvolto alla storia del passato e alla conoscenza delle proprie origini.

Le attività sono rivolte a bambini, famiglie, studenti, adulti, persone con esigenze speciali così come a studenti universitari, professori e guide turistiche. In occasione delle mostre temporanee vengono organizzate speciali visite e laboratori didattici connessi alle tematiche trattate nella esibizione, mirati a pubblici diversificati con particolare attenzione a quello in età scolastica.

I laboratori sono pensati in modo inclusivo e accessibile, per offrire una esperienza diversa e coinvolgente del Museo, in grado di stimolare e incuriosire e informare il pubblico coinvolto.